Dal mondo

Carcerato dichiarato morto per breve tempo torna in vita e pretende di aver scontato l'ergastolo

Carcerato dichiarato morto per breve tempo torna in vita e pretende di aver scontato l'ergastolo

Benjamin Schreiber sta attualmente scontando l'ergastolo in un carcere dell'Iowa per omicidio, ma sta tentando di presentare un appello per la sua liberazione, sostenendo di aver già scontato la sua pena, nonostante abbia trascorso meno di 25 anni dietro le sbarre.

Una richiesta decisamente assurda quella del condannato che però tratta un argomento molto interessante e forse addirittura senza precedenti.

Nel 2015, a quasi due decenni dalla sua condanna, Schreiber morì temporaneamente e fu riportato in vita durante un attacco di avvelenamento.

Dato che tecnicamente è stato dichiarato morto per un breve periodo prima di essere rianimato, Schreiber sostiene di aver completato l'ergastolo e ora vuole tornare in libertà.

Un'affermazione particolare che vede però nella sua complessità una logica nella teoria, peccato però che la richiesta è stata tempestivamente bocciata dal giudice.

La Corte d'appello dell'Iowa ha infatti stabilito che l'omicida condannato a 66 anni, dovrà rimanere in prigione fino a quando non morirà definitivamente per adempiere alla sentenza.

Il giudice Amanda Potterfield ha cercato di essere il più chiara possibile sui termini della sentenza dichiarando:

“Shreiber o è vivo e nel caso deve rimanere in prigione oppure è morto, in questo caso l'appello è controverso. Non crediamo che il legislatore intendesse questa disposizione per liberare gli imputati criminali ogni volta che le procedure mediche durante la loro detenzione portino alla rianimazione da parte dei professionisti medici”

Nel suo appello Schreiber sostiene che i medici che lavorano per conto della prigione violassero l'ordine di “Non rianimare” riportandolo in vita, citandolo come un altro motivo per cui meritava di ottenere la sua libertà.

Tuttavia però, è stato proprio il fratello di Schreiber a chiedere ai medici il permesso di curarlo.

L'uomo quindi dovrà scontare definitivamente la sua pena per l'omicidio di un uomo colpito a morte con un manico di un piccone, per il resto dei suoi giorni, ma di sicuro tutto ciò ha fatto si che questo caso senza precedenti facesse discutere dividendo l'opinione pubblica! Voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere come sempre attraverso i commenti sotto l'articolo.

NEWS DAL MONDO

Scenette tutte

Webradio