Dal Mondo

Beve tè psichedelico e si perde nella giungla

Ritrovato dopo una settimana visibilmente provato

Beve tè psichedelico e si perde nella giungla

Daniel Florian, turista tedesco in vacanza in Colombia, scompare il 13 di aprile dopo una visita a una riserva indigena nella regione sud-occidentale del Putumayo.

La famiglia a Colonia, preoccupata del suo silenzio prolungato, allerta l’ambasciata e così partono le ricerche; dopo una settimana esatta l’uomo viene ritrovato nel mezzo della giungla grazie all’esercito colombiano che si era messo sulle sue tracce.

Portato in ospedale nella città di Mocoa Putumayo, Daniel Florian, disidratato, affamato, pieno di escoriazioni e mangiato da formiche e zanzare, ha ricostruito l’accaduto, dando modo di fare luce sulle cause della sua scomparsa.

Durante la sua visita alla riserva indigena, egli decide di partecipare a un loro rituale sciamanico, che prevede, tra le altre cose, l'assunzione di un tè a base di sostanze psichedeliche; Daniel, completamente fuori di sé a causa dell’effetto della bevanda, inizia a vagare nella giungla, addentrandovisi sempre di più, fino a perdersi.

Fortunatamente l’esercito colombiano, abituato a muoversi in un territorio così ostile per un occidentale, riesce dopo una lunga settimana a individuarlo, salvandogli la vita.

Quanto all’esperienza mistica, siamo certi che Daniel non se la scorderà tanto facilmente.

NEWS DAL MONDO

Scenette tutte

Webradio