Dal Mondo

Gli insetti il cibo del futuro?

Gli insetti il cibo del futuro?

Per la prima volta gli Stati membri della UE hanno dato l’ok alla commercializzazione delle larve gialle essiccate delle tarme del mugnaio (o tenebrione mugnaio) come alimento.

La decisione rientra nel piano d’azione UE 2020-2030 relativo alla promozione di sistemi alimentari sostenibili, che considera gli insetti come una fonte di proteine a basso impatto ambientale e in grado di sostenere la cosiddetta transizione verde della produzione alimentare UE.

Questo nuovo alimento non solo potrà quindi arrivare sulle nostre tavole come snack o come ingrediente di numerosi altri prodotti, ma apre (o quanto meno dovrebbe aprire) la strada a una serie di cibi considerati, almeno in Europa, poco convenzionali.

Ovviamente le larve gialle essiccate dovranno avere una etichettatura ben specifica, soprattutto per quanto riguarda l’allergenicità, dal momento che le persone già sensibili ai crostacei e agli acari della polvere, potrebbero sviluppare reazioni allergiche.

Nel passato l’uomo si è sempre cibato di insetti come cavallette, larve, grilli e formiche, ancora oggi ampiamente consumati in Paesi come Asia, Africa e America centrale.

Ma nonostante qualcuno obietti che tuttora, inavvertitamente, noi europei mangiamo insetti contenuti ad esempio nelle conserve di pomodoro, nelle farine o in alcune verdure, per molti cibarsi di grilli o larve rimarrà ancora un tabù.

Eppure gli insetti rappresentano una scelta molto valida sia per la sostenibilità ambientale, che per gli aspetti nutrizionali, grazie alle proteine di alta qualità paragonabili a quelli della carne e del pesce, ma di certo anche l’occhio vuole la sua parte.

NEWS DAL MONDO

Chiama il figlio HTML

Dal Mondo

Chiama il figlio HTML

Il mondo e la storia sono pieni di nomi di persone buffi, ma bizzarro come quello che uno ...

Scenette tutte

Webradio