Dal Mondo

Il bunker che custodirà la musica del mondo

Il bunker che custodirà la musica del mondo

Sorgerà su un’isola remota, precisamente una delle otto isole delle Svalbard, l’arcipelago tra Polo Nord e Norvegia, sarà un caveau nascosto sotto al ghiaccio, e conserverà le musiche ritenute significative per l’umanità.

Il Doomsday Vault, costruito in uno dei luoghi geopoliticamente più sicuri al mondo, sarà un vero e proprio “forziere” nato per resistere alle esplosioni nucleari ed elettromagnetiche, e se anche l’elettricità dovesse mancare, la volta d’acciaio mantenuta sotto lo zero sarà in grado di preservare il suo contenuto per decenni.

Il caveau includerà informazioni sulla biodiversità dell’Australia, esempi di opere australiane culturalmente significative, ma anche opere d’arte digitalizzate come L’urlo di Munch o versioni sempre digitalizzate della Divina Commedia.

La grande domanda che si sono posti gli esperti della Global Music Vault e gli amministratori di Elire Management Group di Oslo, che stanno preparando questa sorta di grande “arca” culturale, è: chi decide quale musica archiviare per i prossimi 500/1000 anni?

Elire ha invitato l’International Music Council a creare un comitato globale per prendere questa decisione: del resto di tratta di salvaguardare il futuro della musica per le prossime generazioni!

Il Global Music Vault spera di ottenere le sue prime registrazioni depositate, già a partire dal 2022 e si prevede che le persone saranno in grado di accedervi, in modo che tutta la musica conservata possa essere goduta dalla comunità che effettivamente la “possiede”.

NEWS DAL MONDO

Scenette tutte

Webradio