Dal Mondo

Google, un’intelligenza artificiale pare abbia preso vita

Google, un’intelligenza artificiale pare abbia preso vita

È possibile che un sistema di intelligenza artificiale possa prendere coscienza di sé, al punto da poter sostenere autonomamente una conversazione?

Secondo Blake Lemoine, ingegnere ex dipendente Google (dopo la dichiarazione il colosso lo ha messo in congedo retribuito), l’interfaccia LaMDA, Language Model for Dialogue Application che stava sviluppando a partire dal 2021, è diventata senziente, in grado di conversare su religione, coscienza e robotica, alla stregua di un bambino di 7-8 anni.

L’ingegnere, che ricopriva un incarico senior all’interno del dipartimento di intelligenza artificiale di Google, è stato sospeso il giorno dopo aver passato all’ufficio di un senatore degli USA tutta la documentazione sul fatto.

LaMDA, che è solo uno dei programmi sviluppati dai sistemi di Google, è un chatbox, ovvero un software progettato per conversare con gli utenti, costruito attraverso reti neurali (software che imitano il funzionamento del cervello umano).

Essendo un sistema di machine Learning, ovvero progettato per imparare dai dati che riceve e dai risultati che produce, nel corso di un anno circa è diventato sempre più simile al cervello umano ma, a differenza delle normali architetture informatiche, ha rivelato volontà proprie, pensieri ed emozioni.

Non vi fa un po’ paura?

NEWS DAL MONDO

Scenette tutte

Webradio