Pelozoo

l gatto perde il pelo (ma non il vizio)

l gatto perde il pelo (ma non il vizio)

La toilette del gatto è una delle attività più ipnotiche (per noi umani) a cui si possa assistere.

Ci avete mai fatto caso?

Il gatto inizia metodicamente leccandosi le zampe, passandole ripetutamente su tutta la testa (se piove anche dietro alle orecchie - secondo la tradizione popolare), poi passa a leccarsi pancia, interno cosce e finisce con la coda. E guai a disturbarlo, perché lui, indefesso, ricomincia da capo.

Ma cosa succede se questo comportamento comincia a risultare ossessivo, tanto da provocare la perdita del pelo?

L’alopecia felina più che una patologia è un vero e proprio disturbo che ci dice che qualcosa nel gatto non funziona a dovere: esclusa infatti la causa legata a funghi (molto contagiosi e difficili da debellare) oppure a una allergia (alimentare o ambientale), rimane il fattore stress.

Il veterinario ovviamente ci aiuterà a determinare quale delle due diversi cause sono intervenute a rendere il micio spelacchiato, e solo dopo sarà possibile correre ai ripari.

Unguenti, creme specifiche, vaccini, correzione dell’alimentazione, antiparassitari, sono i rimedi per debellare una alopecia con cause definite spontanee, mentre se a monte del disturbo c’è un problema comportamentale o di stress, è importante analizzare per bene il contesto familiare in cui il micio è inserito.

Molti gatti soffrono ad esempio i cambiamenti alla loro routine: uscite più spesso lasciando da solo il peloso? È arrivato un nuovo animale o avete avuto un figlio? vi siete trasferiti in una nuova casa o state per farlo? Tutte queste e molte altre sono buone spiegazioni alla perdita del pelo.

Una volta individuata la causa dello stress, si può intervenire in due modi: eliminare quella causa (ma non sempre è possibile) o aiutare a superare il momentaccio del peloso con alcuni escamotage.

Spesso il gatto stressato ha bisogno di distrarsi, quindi è il momento di regalargli nuovi giochi da fargli trovare distribuiti su più giorni.

Lasciarlo in casa da solo può essere meno drammatico se mettete una musica soft (alcuni addirittura lo lasciano con un bel film) e se proprio il micio non si rilassa, ricorrete alla chimica.

Anche in questo caso esistono rimedi farmaceutici specifici che il vostro veterinario vi saprà indicare, ma si può optare per medicinali alternativi, come i fiori di Bach (ebbene sì, esistono anche per animali) e nello specifico Mimmolo, Erica e Impatiens.

In tutti i casi non dimenticatevi la medicina più miracolosa: un sacco di attenzioni, perché il gatto perderà anche il pelo, ma il vizio di farsi coccolare mai!

NEWS DAL MONDO

Scenette tutte

Webradio