Dal mondo

Aiuto il temporale!

Aiuto il temporale!

Fa paura a noi umani, che bene o male capiamo cosa stia succedendo, figuriamoci a un peloso, che mica gli puoi spiegare che si tratta di un fenomeno atmosferico!

Molti cani, quando il cielo si oscura e i tuoni forti anticipano insieme ai fulmini una pioggia battente, letteralmente impazziscono.

Guaiti, abbai, salti, agitazione e forte stress portano i pelosi a passare momenti di autentico terrore e purtroppo per molti di essi si configura la peggiore delle situazioni: la fuga e la morte.

Un cane spaventato che scappa da casa è infatti l’ipotesi più terrificante: dall’infarto all’incidente, la povera bestiola potrebbe non tornare più dal suo amato umano.

Ma prima di arrivare a un’evoluzione di questo tipo, cosa possiamo fare concretamente ai primi cenni di paura quando scoppia il temporale?

Innanzitutto tranquillizzarlo distraendolo: un gioco nuovo e molto attraente, un po’ di musica di sottofondo in casa per cercare di annullare quella che proviene da fuori, chiudere la tapparelle per allontanare ancor più i rumori e la luce di eventuali fulmini e, soprattutto, evitare di lasciarlo solo.

E tra i consigli per tentare di tranquillizzare il peloso, ci sono anche le cose da non fare assolutamente quando inizia a tuonare, ovvero sgridarlo duramente, eccedere in cibo e coccole (potrebbe consolidare anziché abbandonare quel comportamento), mostrarsi preoccupati e in ansia per il suo stato e punirlo o fissarlo.

In buona sintesi: scoppia il temporale, prendiamo il peloso, ci ritiriamo in una stanza per lui abituale e confortevole, chiudiamo il mondo fuori e cerchiamo di distrarlo piacevolmente ma senza esagerare.

Facile a dirsi, difficile a farsi, direte voi, soprattutto quando le manifestazioni di paura sono molto elevate; nei casi più disperati esistono validi aiuti come i fiori di Bach (provare per credere) che, oltre a non procurare alcun danno, nel lungo tempo hanno per obiettivo l’eliminazione degli stati di alterazione del cane, siano essi legati all’aggressività che alla paura, come in questo caso.

Ma perché il cane ha così paura del temporale?

Bella domanda!

La paura in sé deriva dal frastuono improvviso e generalmente il soggetto che teme il tuono potrebbe manifestare comportamenti analoghi anche in occasione di altri rumori (lo scoppio dei petardi o dei fuochi d’artificio, l’accensione di un elettrodomestico poco utilizzato, etc).

E la paura, attenzione, è semplicemente un meccanismo di autodifesa.

È un po’ come se il cane si mettesse in allarme per prepararsi all’attacco di un non ben identificato pericolo, un po’ come capita anche a noi umani quando abbiamo un attacco di ansia ingiustificato.

Tocca a noi armarci di pazienza e dolcezza per aiutarlo ad affrontare al meglio questo momento ed evitare che si ferisca seriamente.

NEWS DAL MONDO

Scenette tutte

Webradio