pelozoo

Tutti al mare!

Tutti al mare!

Arrivano le ferie, o molto più semplicemente si decide di passare un bel weekend al mare e, ovviamente, portiamo con noi il nostro peloso: dove andare senza il rischio di non poter accedere alle spiagge e soprattutto come comportarsi una volta entrati?

Oltre alle spiagge cosiddette libere, esistono veri e propri lidi a misura di cane, con tanto di aree attrezzate per i giochi, i riposini, la pappa e i bisogni.

Basta digitare su google per trovare una mappa interattiva con tutte le informazioni necessarie, dai servizi presenti, alle indicazioni stradali, fino a eventuali costi da sostenere per poter accedere.

Straordinario, vero?

Finalmente umani e cani possono liberamente godersi le spiagge italiane in tranquillità e, credeteci, non è poco.

L’importante è sapere che oltre ai diritti, esistono i doveri: qual è il corretto comportamento da tenere nei lidi organizzati?

Intanto il cane deve essere educato e per educazione si intende principalmente la socializzazione: se vi presentate in spiaggia con il discendente di Gengis Khan, che al primo simile mostra i denti e ringhia, o che non tollera la presenza di bambini, forse è meglio optare per luoghi più isolati (e provvedere quanto prima alla socializzazione del peloso, per quanto possibile).

Ogni lido ha le proprie regole, ma il buon senso ci dice che il cane deve essere tenuto al guinzaglio o alla longhina, soprattutto se si tratta di un soggetto giovane; se è già in grado di stare vicino a voi senza disturbare gli altri, allora potete lasciarlo libero, seppur guardato a vista.

Indispensabili sono la museruola (obbligatorio portarla per Legge), ciotole per acqua e crocchette, sacchetti raccogli feci, salviettine detergenti usa e getta, libretto sanitario, stuoia per la sabbia e asciugamano per il bagno.

Evitate ovviamente le ore più calde e qualora la spiaggia fosse libera, aggiungete all’elenco degli oggetti indispensabili un ombrellone (ancor meglio se riuscite a trovare una postazione dotata di ombra naturale, come quella di un edificio o di un albero).

I cani a pelo raso e senza sotto pelo tendono a scottarsi, mentre quelli a pelo lungo soffrono di caldo più degli altri (e si riempiono di sabbia).

Infine l’elemento acqua: non forzate il cane a entrarvi se per lui è la prima volta.

Accompagnatelo con garbo e pazienza, invitatelo con giochi galleggianti e stategli vicino per infondergli coraggio.

Finita la giornata, ricordate di fargli una doccia con acqua dolce per rimuovere sale e sabbia e abbiate l’accortezza di pulirgli gli occhi con una apposita soluzione.

Per il resto: buone ferie!

NEWS DAL MONDO

Webradio