PeloZoo

Riconosce il proprio cane scomparso 2 anni prima

Cercava un nuovo amico al canile e ritrova il suo Kovu

Riconosce il proprio cane scomparso 2 anni prima

Aisha Nieves, donna di Allentown in Pennsylvania, non avrà sicuramente creduto ai propri occhi, quando, entrando nel portale del canile per scegliere un cane da adottare, si è imbattuta nel suo Kovu, il suo peloso perso due anni prima e mai ritrovato.

A giugno del 2019 infatti una macchina si schianta contro la recinzione della sua casa, provocando una lacerazione da cui Kovu, incrocio di Pitbull e Rottweiler, scappa spaventato e probabilmente ferito.

Iniziano le drammatiche ricerche, tutte senza esito: di quel cane, così amorevole e fidato, sono sparite le tracce.

Kovu in realtà, ma questo Aisha lo scoprirà dopo due anni, viene tratto in salvo e portato alla Lehigh County Humane Society, dove viene ribattezzato Ash e dove viene curato per ferite molto gravi riportate durante lo schianto dell'auto in giardino.

Inspiegabilmente nessuno mette in relazione quel povero cane (evidentemente senza microchip) ad Aisha e ai suoi appelli accorati, e dopo 4 lunghi mesi di cure mediche, il peloso viene messo in adozione.

Aisha ad un certo punto si reca anche presso il rifugio dove il suo cane è stato curato, ma per uno strano scherzo del destino, non solo nessuno riconosce in Kovu il peloso tratto in salvo, ma qualche giorno prima quel cane viene adottato da una famiglia che lo porta a casa: per questo Aisha, pur controllando gabbia per gabbia, non lo trova.

Ma evidentemente il loro legame era segnato: a causa della pandemia, la nuova famiglia di Kovu/Ash riceve lo sfratto e, non potendo più occuparsi del cane, lo riporta al rifugio dove lo aveva preso.

Nel frattempo gli addetti del canile avevano modernizzato il sistema di catalogazione dei cani in adozione e hanno inserito anche il bel muso di Kovu nel database on line.

Aisha, dopo 2 anni di ricerche fallimentari, decide di accogliere un altro cane e inizia a consultare il sito del rifugio per cercarne uno con cui possa scoccare la scintilla: è allora che si imbatte in Kovu, riconoscendolo da una particolare cicatrice sotto a un occhio.

Piena di emozione chiama immediatamente il rifugio e fissa l’appuntamento per andarselo a riprendere, sperando che Kovu la potesse riconoscere: al suo arrivo il cane ha cominciato ad abbaiare e a scodinzolare pieno di incontenibile gioia.

Il legame era stato ricucito e Kovu e Aisha sono potuti ritornare a casa, finalmente insieme.

NEWS DAL MONDO

Webradio