Dal Mondo

Mezzo kg di hashish in casa, graziato perché è musicista

Benevolenza del giudice: l'hashish stimola la creatività

Mezzo kg di hashish in casa, graziato perché è musicista

Il rapper è Sofian Naich, in arte Kaprio, ed è uno dei giovani accusati di aver partecipato all’assalto delle vetrine di lusso di Piazza San Carlo a Torino lo scorso 26 ottobre, e a suo carico, oltre agli atti vandalici, c’era anche il possesso di mezzo chilo di droga cosiddetta leggera, rinvenuta nella sua casa sottoposta a perquisizione.

Il giudice però, di fronte a 2005 dosi medie singole di hashish e 678 di marijuana, ha considerato il fatto un quinto comma, ovvero relativo a un uso personale.

Ma non solo: considerato il suo status di musicista e l’uso abituale di stupefacenti che si fa in particolari contesti, la pena gli è stata alleggerita ulteriormente in 10 mesi di reclusione, doppi benefici di legge (sospensione condizionale e non menzione della condanna) e immediata liberazione.

Le droghe leggere, secondo quanto interpretato dal giudice in questa circostanza, sarebbero idonee a favorire la creatività artistica, così come è plausibile che Kaprio detenesse quelle quantità per un consumo di gruppo, ovvero non per essere vendute  a fini di lucro.

Dosi ben impacchettate, bilancino e una consistente scorta, sono quindi tutti elementi considerati plausibili con il consumo di gruppo, la stimolazione della creatività e l’approvvigionamento in vista di un possibile lockdown.

Così, data la giovanissima età, l’incensuratezza, il buon comportamento processuale, gli sono state riconosciute tutte le attenuanti del caso.

NEWS DAL MONDO

Scenette tutte

Webradio