Pelozoo

Occhi di gatto

Occhi di gatto

Cosa c’è di più affascinante ed enigmatico dello sguardo di un gatto?

A partire dal taglio degli occhi, passando dal colore dell’iride, per finire sulle diverse espressioni che è in grado di assumere, il gatto si rivela ancora una volta un mistero da scoprire.

Uno degli aspetti più interessanti dell’amico felino risiede infatti proprio nel modo in cui ci guarda: occhio sgranato se aspetta il cibo o desidera giocare, ma spesso socchiuso e sornione quando ci osserva e fa le fusa.

Ma il meglio il gatto lo dà quando gli parliamo, perché è lì che socchiude gli occhi come se non volesse prestarci attenzione: sbagliato!

In realtà quando il nostro peloso è tranquillo, a suo agio, perfettamente appagato dalla nostra presenza (e magari dal lauto pranzetto che si è appena scofanato), che fa? Socchiude gli occhi, fino quasi a chiuderli del tutto.

Questo linguaggio non verbale è molto importante perché rafforza il legame che egli ha con il suo umano, a cui trasmette fiducia totale e amore; basti considerare che questo tipico comportamento lo apprende fino in tenera età, quando ancora cucciolo la madre, in sua presenza, fa la stessa cosa.

L’umano, fino a prova contraria, fa parte del suo branco e il gatto tende a comunicare con lui come comunicherebbe con un suo simile.

Ma attenzione: bisogna imparare a riconoscere ogni aspetto di questo modo di comunicare, per evitare di fraintendere!

Ad esempio se il micio appare tranquillo, con tanto di fusa e occhi socchiusi, ma con la coda che batte ritmicamente, è bene non avventurarsi in carezze non gradite!

Quello infatti è un tipico modo per dire: hey, ti tengo d’occhio, lasciami in pace perché sono nervoso. Al mio via scateno l’inferno!

E se invece il gatto ha l’occhio completamente aperto, sapete intuire, osservandolo, cosa gli passa per la testa?

Il trucco è osservare le pupille: quando sono dilatate ed è l’ora della pappa, il gatto aumenta l’area delle pupille di 4 volte la dimensione normale e in pochissimi secondi. Questo significa che non vede l’ora di fiondarsi sulla sua ciotola.

Se la pupilla è dilatata ma non c’è cibo nei paraggi, allora significa semplicemente che qualcosa lo ha attratto particolarmente o che sta provando un sentimento (sia di gioia che di paura): insomma, pupilla dilatata, massima allerta.

Se invece la pupilla è una fessura impercettibile, generalmente è perché gli occhi sono colpiti da una luce piuttosto forte o semplicemente sta comunicando ai suoi simili chi è il capo (sì, pupilla contratta suona un po’ come: “comando io, non mi fai paura!”).

E se l’occhio è completamente chiuso?

Beh, o dorme o si è arreso alle vostre coccole!

NEWS DAL MONDO

Scenette tutte

Webradio