pelozoo

Parliamo di… cacca!

Parliamo di… cacca!

C’è poco da ridere: sapete cosa facevano i medici di una volta, per capire lo stato di salute di una persona? Osservavano la sua cacca, valutandone consistenza, aspetto, odore e soprattutto… frequenza.

Lo stesso dovremmo fare con i nostri pelosi, i quali, a differenza nostra, non possono comunicarci eventuali disturbi o dolori.

Quante volte fa la cacca il tuo cane? Fermo restando che non esiste un numero ideale di deiezioni, è utile sapere alcune cose al riguardo.

Se il cane è un cucciolo, sappiate che potrebbe fare la cacca più volte rispetto a un soggetto adulto (qualcosa come fino a 6 volte al giorno!), mentre se è già grande, dovreste avere già appreso il comportamento del suo apparato intestinale.

Ci sono infatti cani molto attivi che la fanno anche 4 volte al giorno e comunque dopo ogni pasto, e cani che tenderanno a farla una, due volte al massimo: in tutti i casi, ricordate che di norma le evacuazioni sono, bene o male, al mattino, al pomeriggio e alla sera.

Se salta uno di questi appuntamenti, accertatevi che la cacca fatta nel corso della giornata sia sana e che l’evacuazione non sia stata difficoltosa.

E qui veniamo al dunque: com’è fatta la cacca sana?

I criteri sono gli stessi, a grandi linee, di quella umana: consistenza compatta e solida, il che significa né troppo dura (e qui vi accorgereste di difficoltà di espulsione), né ovviamente troppo morbida (se è liquida è diarrea!), colore marrone (o varianti, dipende dal cibo ingerito, ma l’importante è che non sia nera o bianca, ovvero colori davvero estremi!), e priva di corpi estranei, come vermi, pelo, sangue e muco (un poco è tollerato).

Infine ricordate che per favorire l’espulsione delle feci, sono utili passeggiate, attività motorie in generale, cibo adeguato (da calibrare in base alle caratteristiche del soggetto), e abitudine (evitare di far trattenere troppo a lungo i bisogni, e sforzarsi di mantenere lo stesso orario delle uscite quotidiane).

Qualsiasi variazione di cacca o di modalità di evacuazione, vanno segnalate al veterinario: solo così potrete prevenire eventuali disturbi più o meno gravi.

NEWS DAL MONDO

Webradio