Pelozoo

Voglio lasciare tutto al mio cane o al mio gatto

Voglio lasciare tutto al mio cane o al mio gatto

Mettiamo che una persona sia sola al mondo, eccetto per il suo cane o il suo gatto, e che sia prossimo a lasciare le mortali spoglie: è più che plausibile pensare al futuro dei propri animali domestici, no?

Si legge spesso che ci sono persone che hanno lasciato eredità anche cospicue al proprio cane o alla colonia di gatti che aveva in casa: ma la legge cosa dice?

Se negli Stati Uniti è lecito fare testamento a favore di un animale, in Italia al momento questa pratica non è consentita, cane e gatto non possono comparire tra gli eredi, nemmeno se colui che muore indica esplicitamente la volontà di lasciare tutto o una parte del suo patrimonio a essi.

Questo perché in Italia cane e gatto, e ogni altro animale in generale, non hanno capacità giuridica riconosciuta, requisito indispensabile per poter godere di diritti e titolare di doveri.

Come fare quindi per evitare un triste destino al nostro cane o al nostro gatto, se noi non ci saremo più?

Gli espedienti sono essenzialmente due: nominare nella lista degli eredi un’associazione animalista di fiducia, cui affidare il cane o il gatto, oppure nominare un erede con la condizione che dovrà prendersi cura dell’animale, garantendogli un certo tenore di vita.

Si può ovviamente nominare un esecutore testamentario che garantisca che le volontà scritte nel testamento relative al futuro della bestiola vengano rispettate, pena la perdita della porzione dell’eredità.

Spesso sono loro ad andarsene per primi, ma può succedere che siamo noi a lasciarli soli.

NEWS DAL MONDO

Scenette tutte

Webradio