Dal mondo

Quando il cane mangia la cacca del gatto

Quando il cane mangia la cacca del gatto

Aiuto! Il mio cane è coprofago!

Tranquilli, o meglio nulla di anormale: succede molto più spesso di quanto possiamo pensare e questo comportamento decisamente disgustoso non è rivolto solo alle feci del gatto, ma anche a quelle di altri cani o dei cavalli.

Il problema è, se mai, cosa succede a fronte di queste bizzarre abitudini dal punto di vista della salute.

Parlando nello specifico delle feci del gatto, è inutile dire che queste sono un concentrato di germi, batteri e scorie, in grado di compromettere seriamente la salute del nostro cane, ancor più se vengono prelevate direttamente dalla sabbietta che, forse molti non sanno, è ricca di sostanze tossiche come le profumazioni per nascondere i cattivi odori, il silicio, l’argilla e il truciolato.

Questi ultimi sono ingredienti che possono portare a blocchi intestinali, gastriti più o meno gravi, mentre il contenuto di scorie delle feci riconduce a infezioni batteriche o parassitarie, come la salmonella.

Se il gatto convive con voi e le feci ingerite dal cane sono le sue, è possibile inserire un integratore totalmente innocuo alle sue crocchette che renda la cacca amara e quindi meno… appetitosa.

Ovviamente se il problema, come nella maggior parte dei casi, avviene quando si è in passeggiata, allora bisogna per forza intervenire direttamente sul… mangiatore.

Ogni qual volta il cane si avvicina alle feci di gatto bisogna essere molto tempestivi e sgridarlo immediatamente allontanandolo, ma se non siete dotati di grande pazienza allora l’unica soluzione è la museruola, utile anche per eventuali bocconi avvelenati.

La coprofagia ha origini ancora poco chiare, alcuni sostengono che è un retaggio antico legato al mantenere la cuccia pulita e senza traccia alcuna, altri rimandano il comportamento a carenze nutrizionali o a stress, altri ancora spiegano il fenomeno come una pratica di automedicazione (ingerendo colonie di batteri diversi si cercherebbe di trovare un equilibrio nella flora intestinale sbilanciata), mentre c’è chi addirittura afferma che il cane, vedendoci raccogliere le feci con paletta e sacchetto, emulerebbe il nostro comportamento…

Ma quale che sia la causa reale (spesso è semplicemente perché le crocchette che mangia il gatto sono più appetitose di quelle del cane), l’importante è dissuadere con ogni mezzo questa pratica potenzialmente molto pericolosa (ricordate che la salmonella si trasmette anche all’uomo).

Se questa brutta abitudine persiste, sarebbe buona cosa sottoporre il quadrupede a una serie di esami per verificare che non sia presente un problema al pancreas che il cane cerca di risolvere assumendo sostanze da “altri” soggetti tramite le feci.

NEWS DAL MONDO

Rapito coniglio gigante

Dal Mondo

Rapito coniglio gigante

Si chiama Darius, misura ben 129 cm di lunghezza e nel 2019 è stato dichiarato dal Guinness World ...

Webradio